Scandalo RAI-Mediaset. Potere occulto

 Ricordate il confronto Berlusconi Lucia Annunziata? Bene in quell’occasione Berlusconi lasciò lo studio televisivo.

Dal documentario “Who is Berlusconi” visionabile nei post precedenti, si evince chiaramente l’influenza che Berlusconi aveva sugli organici RAI.

Queste fino a ieri erano solo congetture di Sinistra.

Ma da quanto rilevato dal Quotidiano “La Repubblica“, grazie alle  intercettazioni telefoniche della Guardia di Finanza raccolte nell’ambito dell’inchiesta Hdc, quella che riguarda il fallimento della società di sondaggi di Alberto Crespi, sembra che ci fosse realmente uno scambio di informazioni tra Mediaset e RAI per decidere palinsesti, orchestrare i resoconti della politica ed evitare notizie “compromettenti” su Silvio Berlusconi, “ammorbidire” i resoconti sui risultati elettorali, ecc.

In pratica esisteva una “rete segreta del Cavaliere che pilotava Rai e Mediaset“.

Ma ci rendiamo conto della gravità della cosa?

Veltroni dichiara: “La tv pubblica è stata calpestare, intervenire”.

Credo che sia opportuno che il Parlamento metta mano, finalmente, ad una riforma radiotelevisiva che serva a tenerla lontana dai poteri politici, come accade in altri paesi.

Berlusconi nell’Editto Bulgaro disse che: ” si fa un uso criminoso della televisione pubblica con i soldi dei cittadini”.

Omise di aggiungere che: ” si faceva propaganda del suo Governo, omettendo notizie e calpestando la televisione pubblica, pagata con i soldi dei cittadini!”

Adesso, come al solito, Mediaset fa querele, solo quelle è capace di fare, mai un atto di umiltà e verità.

Scandalo RAI-Mediaset. Potere occultoultima modifica: 2007-11-21T16:30:00+01:00da articolo_21
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Scandalo RAI-Mediaset. Potere occulto

  1. Queste sono cose che si sapevano da tempo, ma nessuno si è mosso e penso che anche adesso si risolverà solo con un polverone.

  2. L’ordine dei giornalisti dovrebbe dettare delle regole deontologiche affinchè queste vergogne non si ripetono.
    La Rai ” Radiotelevisione Italiana” non può permettersi di Pagare profumatamente una SERVA DI PARTITO come Lucia Annunziatina per offendere l’allora presidente Silvio Berlusconi… qualcuno mi ha insegnato che bisogna avere sempre il massimo rispetto per le istituzioni… se non sono stato io a portarli al potere ci sono stati i miei fratelli… e, a malincuore, devo ammettere che sono stati la maggioranza…
    e devo rispettarli.
    Se domani Berlusconi (com’è prevedibile) ritorna ad essere Capo del Governo, saro il Primo a gioire se L’annunziata Concezione se ne va a fare le calzette ed a raccontare le favolette ai suoi Nipotini… ma ne ha?

  3. L’ordine dei Giornalisti avrebbe fatto bene ad evitare che l’ex Presidente del Consiglio intervenisse anche nel CDA RAI.
    Lucia Annunziatina sarà forse “SERVA DI PARTITO”, ma che dire di Deborah Bergamini (ex assistente personale di Silvio Berlusconi)? Attualmente sospesa dalla RAI perchè coinvolta nelle intercettazioni telefoniche con Niccolò Querci, anche lui ex assistente del leader di Forza Italia e all’epoca dei fatti numero tre delle televisioni Mediaset. Per non parlare dei molti uomini fidati del Cavaliere messi alla dirigenza della RAI o del “SERVO DI PARTITO” Emilio Fede.
    In tutte le democrazie occidentali i giornalisti fanno domande al Presidente del Consiglio e questo risponde, anche a domande che gli fanno male.
    “Bisogna avere sempre il massimo rispetto per le istituzioni”, ma non ci si deve abbassare al servilismo.
    In una Democrazia sana le “istituzioni” non dovrebbero essere padroni dell’informazione. Caro spinapuci si veda qualche filmato presente sul sito e non sia sempre di parte, ma obiettivo.

  4. In merito al rispetto delle istituzioni, ma ci dimentichiamo quante volte l’ex presidente del consiglio Berlusconi ne ha avuto davvero molto poco verso l’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi?
    Prima di criticare chiunque si guardi la trave che ha nel suo occhio lei e il Partito di Berlusconi, caro spinapuci!

I commenti sono chiusi.