Berlusconi assolto: ecco l’effetto delle leggi “ad personam”

4c4873352f5de2a2320dd21b86847f75.jpgSilvio Berlusconi è stato assolto nel processo stralcio per la vicenda Sme.

Tra qualche ora sicuramente ci sarà qualche dichiarazione del Cavaliere dove si accuserà la Magistratura di Accanimento legislativo, di Toghe Rosse, ecc.

 Ma attenzione: Silvio Berlusconi è stato assolto solo perchè “I fatti non sono più previsti dalla legge come reato“.

Per chi non si ricorda, La legge che depenalizza il falso in bilancio è stata una delle prime cosiddette “leggi ad personam” approvate dal passato governo Berlusconi. Il provvedimento è diventato infatti operativo già dal gennaio 2002 grazie a un decreto varato a tempo di record dall’allora ministro della Giustizia Roberto Castelli(Fonte Repubblica.it).

Ricordiamo anche che lo Lo scorso ottobre la Cassazione aveva chiuso definitivamente un altro troncone del procedimento Sme a carico di Silvio Berlusconi assolvendolo dalle accuse di corruzione, anche questo per effetto di un’altra legge  personam”(successivamente dichiarata incostituzionale) che introduceva l’immunita per le cinque più alte cariche dello Stato.

Quindi prima di parlare di assoluzione sarebbe meglio dire che durante il Governo Berlusconi i giudici che difendevano il Cavaliere in Tribunale erano allo stesso tempo dei Parlamentari che varavano e approvavano le ormai famose “leggi ad personam”.

Berlusconi è stato assolto solo perchè ha cambiato la legge a suo favore!

Questa è giustizia secondo voi?

Per salvarsi da un’incriminazione Silvio Berlusconi ha cancellato il reato di falso in Bilancio. Questo vuol dire che se una società quotata in borsa dichiara il falso e invoglia comuni risparmiatori ad acquistare le sue azioni, non è punibile. Con grave danno per tutti coloro che investono in borsa.

Esempio ???? Prendete il caso Parmalat!

Berlusconi assolto: ecco l’effetto delle leggi “ad personam”ultima modifica: 2008-01-30T11:55:00+01:00da articolo_21
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Berlusconi assolto: ecco l’effetto delle leggi “ad personam”

I commenti sono chiusi.