Scoppia il caso Ciarrapico

bc21f8a4cbe2b6916e8fe9973ef70b41.jpgIl Pdl ha chiuso le Liste dei suoi candidati alle prossime elezioni e subito scoppia il caso Ciarrapico.

Il mondo politico è smosso dalle sue affermazioni: “Il fascismo mi ha dato sofferenze e gioie. Mai rinnegato, mai confuso, mai intorpidita la mente da pensieri sconclusionati e antistorici“(Fonte: Repubblica.it).

Ciarrapico continua nell’intervista a Repubblica: “Come si disse: governare gli italiani non è faticoso. E’ totalmente inutile“.

Queste dichiarazioni hanno fatto infuriare Fini e Bossi. Quest’ultimo ha chiesto un passo indietro a Ciarrapico, ma sembra che ormai i giochi siano fatti.

Da queste dichiarazioni sembra confermato il fatto che il Pdl si stia spostando sempre più a destra, lasciando da parte i moderati, come conferma il divorzio con Casini.

 Ma chi è Ciarrapico, candidato nel Popolo delle Libertà?

Queste le notizie disponibili sul Web: “Giuseppe Ciarrapico è un imprenditore italiano. In gioventù è stato notoriamente un simpatizzante fascista.

Tra le sue “operazioni” famose ci fu anche il suo intervento, sollecitato da Andreotti, nella soluzione del Lodo Mondadori, nel quale fece da intermediario tra Silvio Berlusconi e Carlo De Benedetti. Del suo impero facevano parte anche diverse cliniche romane, la compagnia di aero taxi “Air Capitol” e la Casina Valadier a Roma.

Ciarrapico è stato condannato a due anni di reclusione l’8 marzo del 1993, per gli sviluppi della vicenda «Casina Valadier». Il 18 marzo è stato spiccato nei suoi confronti un mandato di custodia cautelare. E’ entrato a Regina Coeli il 21 marzo e il 24 aprile gli sono stati concessi gli arresti domiciliari.

L’11 maggio viene revocato il mandato di custodia cautelare ma la libertà è breve perché Ciarrapico è di nuovo arrestato e trasferito a Milano, con l’accusa di finanziamento illecito ai partiti. Dopo sette anni, quindi nel 2000, l’affarista fu definitivamente condannato. Tuttavia venne affidato in ragione della sua età, ai Servizi Sociali.” (Fonte: Wikipedia).

Ma non si era parlato di candidati dalla fedina penale pulita,  di valori cristiani e del nuovo che avanza?

Questa è la gente che ci deve governare?

(Fonte foto: Corriere.it)

Scoppia il caso Ciarrapicoultima modifica: 2008-03-10T19:40:00+01:00da articolo_21
Reposta per primo quest’articolo