Schifani querela Travaglio (al solito) mentre il quotidiano “El Pais” dice la stessa cosa.

Renato Schifani, attuale Presidente del Senato, ha querelato Marco Travaglio per le sue affermazioni alla trasmissione “Che Tempo che fa”.

D’altronde non è una novità che i politici (vedi Editto Bulgaro) querelino i giornalisti, o meglio gli unici che mettono la faccia e dicono quello che pensano.

Al di là del fatto che in Italia non esiste un contraddittorio (dato che Schifani si lamentava di questo) e che non vedo giornalisti, degni di questo nome, che osino fare domande “difficili” hai politici.

In Francia, Inghilterra, Germania, succede, in Italia no.

Se Marco Travaglio ha suscitato tutto questo polverone ora è solo perchè è andato a dire le medesime cose che va dicendo da anni in università, convegni, manifestazioni, cinema, teatri, ecc.

Solo che adesso le ha dette in TV, in quella TV serbatoio elettorale. Non sia mai che si vadano a dire certe cose in TV.

C’è stato nessuno che ha fatto notare al Presidente del Senato Renato Schifani che attualmente siedono in parlamento persone condannate per reati gravissimi? Uno su tutti? Salvatore Cuffaro condannato a 5 anni per Mafia.

Mi viene da sorridere quando sventolano il rispetto delle istituzioni. Ma questo rispetto dov’era quando Berlusconi e Company accusavano l’ex Presidente della Repubblica Ciampi? Dov’era quando Berlusconi consigliava a Napolitano di ritirarsi?

Dov’era il rispetto di Falcone e Borsellino quando Dell’Utri incitava Mangano (mafioso) ad eroe?

Quello che manca a questa classe politica è la serietà e il coraggio del contraddittorio. Ma questo è chiedere troppo.

Cosa più sconvolgente le scuse di tutti, come servilismo al nuovo Premier.

Comunque su EL PAIS del 29-04-2008, riferendosi a Schifani, c’è scritto: “il suo nome, inoltre, é stato messo in relazione dalla stampa italiana con la criminalitá organizzata siciliana, poiché negli anni ’80 fu socio di una compagnia nella quale figuravano anche Nino Mandalá, boss del clan mafioso di Villabate, e Benny d’Agostino, impresario legato allo storico dirigente di Cosa Nostra, Michele Greco“.  Questo il link.

Hanno pensato a querelare anche EL PAIS?

L’unico che non ha seguito la corrente è stato Antonio Di Pietro.

Quello stesso che poco prima delle elezioni fu accusato da Silvio Berlusconi di non avere conseguito la laurea. E di certo Di Pietro non aveva la possibilità del contraddittorio.

Frivolezze, certo, ma c’è da pensare.

Di Pietro ha dichiarato: “Allora mi domando e domando: ma un giornalista che rivela circostanze sconosciute alla maggioranza dei cittadini adempie al proprio dovere di cronaca e di critica o no? Se Schifani risulta essere stato socio di persone di malaffare, allora il presidente del Senato, proprio per l’alta carica che ricopre ne spieghi le ragioni o contesti i fatti. È un suo dovere morale. Ed ancora mi domando e domando, questa volta ai tanti benpensanti del Partito democratico: ma sapete chi sono i condannati per mafia Nino Mandalà e Benny D’Agostino? E sapete cosa vuol dire essere stati soci con costoro ai tempi d’oro della mafia, come lo fu Schifani? Ed allora, che male c’è se un giornalista indipendente pone delle domande trasparenti ed altrettanto trasparentemente informa l’opinione pubblica? Che senso ha attaccare Travaglio per aver solo detto ciò che è vero»? «Invece di prendersela con lui – prosegue l’ex pm- non sarebbe meglio prendere spunto da questo fatto per impostare una campagna di informazione capillare e veritiera su chi sta al Parlamento, al governo o nelle altra istituzioni controllate dalla politica? Oppure il silenzio è dovuto al fatto che anche tra le file del centrosinistra ci sono alcune posizioni imbarazzanti per cui -conclude Di Pietro- è meglio far finta di niente e schierarsi con l’avversario nella speranza che un giorno il favore possa tornare?”.

Marco Travaglio a Che tempo che fa Parte 1

Marco Travaglio a Che tempo che fa Parte 2

Marco Travaglio a Che tempo che fa Parte 3

Schifani querela Travaglio (al solito) mentre il quotidiano “El Pais” dice la stessa cosa.ultima modifica: 2008-05-14T07:15:00+02:00da articolo_21
Reposta per primo quest’articolo

27 pensieri su “Schifani querela Travaglio (al solito) mentre il quotidiano “El Pais” dice la stessa cosa.

  1. Ho sentito e risentito più volte l’intervento di M. Travaglio alla trasmissione di Che Tempo Che Fa. E’ inaudita la reazione di tutto il mondo politico alle cose dette dal giornalista scrittore sulla persona della seconda carica dello stato (ovvero Schifani).
    Le ho annotate.
    Dopo un lungo elenco di personalità di assoluto rispetto “…Schifani è un elemento di originalità…….. mi domando chi sarà quello dopo……….dopo ci sarà solo la muffa, il lombrico………. dalla muffa si ricava la pennicellina quindi era un esampio sbagliato….”
    Riferendosi a degli scrittori che hanno riportato che Schifani ha avuto delle amicizie con dei mafiosi, Travaglio afferma……”la seconda carica dello Stato spieghi quali rapporti ha avuto con quei signori poi condannati per mafia”.
    Ditemi se questo è così orripilante come ha affermato Cappon e così grave da indurre il conduttore della trasmissione a fare un atto di contrizione e di scuse ed infine costringere la seconda carica a querelare chi ha espresso una sua doverosa (e condivisa da tantissimi Italiani e stranieri) puntualizzazione di fatti.
    Non lamentiamoci più, per favore, delle affermazioni di Grillo sui giornalisti e sulla casta politica, questi noi ci meritiamo.

  2. Avanti Travaglio, avanti tutta! Ma è possibile che basta toccare Berlusconi e i suoi servi per fare un putiferio simile? E’ possibile che loro facciano e dicano cose inaccettabili e per la legge della democrazia tutto vada bene e appena qualcuno ‘tocca’ loro succeda di tutto? Ma vergognatevi! Forza Marco, siamo con te e siamo in tanti!!

  3. Sono un grande ammiratore della verità e quindi di persone come Marco Travaglio che hanno il coraggio di dirla e raccontarla. Mi domando come mai persone come il Sig. Schifani, che da quando è diventato la seconda carica dello stato si atteggia come un reuccio, non scende in mezzo al vulgus e racconta la sua verità? Querelare è un atto di debolezza che dimostra una volta di più che chi lo attacca ha ragione. Può difendere il sua onorabilità quanto vuole nelle aule del tribunale, sappia che le verità e la faccia bisogna difenderla in mezzo alla gente comune come i cittadini ITALIANI che sono veri nobili di tutto questo patetico teatrino.

  4. Perché non viene denunciato il sindaco di Verona (leghista) che nel suo ufficio ha fatto vedere la fotografia di Pertini (di cui ho grande rispetto, stima e ammirazione) e non quella di Napolitano dicendo che quest’ultimo è conunista ed essendo stato eletto solo da una parte, non è il Presidente di tutti gli Italiani. Se Schifani ha fatto affari con i mafiosi, dove sta la diffamazione? Dica lui se è vero o no. Altrimenti stia zitto.

  5. Grazie Marco per la calma che riesci a mantenere, grazie per essere “GIORNALISTA” e per quello che scrivi.
    Il sapere che quello che tu dici crei polemiche mi rende un po’ più tranuilla, non tutti gli italiani sono servi del potere.
    Grazie a Biagi ed a Montanelli sono riusciti a trasmetterti il coraggio di dire quello che sai, e sai molto.
    Marzia

  6. questa volta non ci sara editto bulgaro,perche travaglio santoro e company,ossia coloro che hanno il coraggio di informare i cittadini ,saranno costretti a dimettersi,perche si sentiranno pagati dal premier,per il lavoro che fanno e non possono permettersi di sputare nel piatto dove mangiano.vorrei altri mille travaglio,grillo,santoro, guzzanti etc etc.vorrei precisare che sono un elettore della lega,ma veramente provo vergogna a sapere che siamo alleati a dei personaggi che hanno trattato con mafiosi.cito dell’utri,mangano,cuffaro,schifani,etc etc.spero che i miei compagni leghisti diano una svolta perche non posso continuare a sentirmi alleato con chi ha saputo in tutti questi anni gestire i nostri soldi per il sud per favorire la crescita del potere mafioso,se non per dare la colpa poi alla gente del sud onesta che di quei soldi non ha conosciuto neanche l’esistenza.ieri sera guardando matrix,ho notato come gasparri intimava ai presenti di non offendere il senatore schifani,ma mi chiedo perche non ha intimato il sig.berlusconi a non offendere quei coglioni di italiani che votavano a sinistra.ormai la politica di oggi e veramente dittatoriale,solo che fortunatamente non si arriva ancora all’uso delle armi .

  7. Ma ancora vi chiedete perchè c’è tutta questa polemica intorno a travaglio?
    1 non è un giornalista perchè se fosse un vero giornalista denuncerebbe sia scandali di sinistra che di destra; si limita invece ad attaccare berlusconi: infatti, se ha condotto un’analisi oggettiva, com’è possibile che ha trovato uno solo, e sottolineo uno, di parlamentari di centrodestra che gli piacciono ossia che hanno fatto cose buone)
    2 dovrebbe andare in carcere perchè quanto detto su schifani, costituisce un’offesa personale (ha dichiarato che peggio di lui c’è solo la muffa); in secondo luogo, deduco che coloro che hanno scritto prima di me su questo blog, non hanno mai sentito parlare di “VILIPENDIO ALLE ISTITUZIONI”.Siccome SIETE IGNORANTI vi scrivo la definizione, presa dal vocabolario, della parola Vilipendio:”mostrare con parole o con atti il proprio disprezzo verso qualcuno o qualcosa”.Mi sembra che Travaglio lo abbia fatto abbondantementecon Schifani; e in quanto Schifani, piaccia o no, è il presidente del Senato, Travaglio ha commesso il reato di Vilipendio alle istituzioni.
    Infine un suggerimento all’autore dell’articolo:ma perchè anziche sprecare il tuo tempo inutilmente non torni alle elementari? Al rigo 9 scrivi “… che osino fare domande difficili HAI politici..”
    Visto che sei ignorante come tanti del tuo blog, ti insegno che in questo caso dovevi scrivere AI.
    So che presto rimuoverai il mio intervento, perchè i comunisti fanno così, predicano la libertà di parola e poi sono i primi a non darla, ma mi sembrava doveroso puntualizzare quanto viene scritto da te e soci

  8. Da persona civile quale mi reputo e da altrettanto buona comunista pseudoacculturata, vorrei far notare a Pietro una basilare regola grammaticale…. se chiudi una parentesi, si presuppone che tu l’abbia anche aperta…. o forse la tua è stata una svista? Ma una svista su una H di un comunista è ignoranza, mentre una parentesi chiusa e mai aperta da un anticomunista è distrazione? E’ ignoranza o distrazione aver scritto travaglio invece di Travaglio?
    E poi, tanto per dare aria ai denti (noi comunisti siamo bravi in questo), sai che Travaglio ideologicamente è di destra? Forse è un giornalista più obbiettivo di altri, proprio perchè esamina attentamente il mondo che gli gira intorno, destra o sinistra che sia?
    Qui nessuno stava insultando nessuno, era solo uno scambio di idee, prima che tu dessi dell’IGNORANTE ai blogger… nessuno, però, ti ha obbligato a scrivere o leggere qui!

  9. per bruno67: si vede un berlusconiano di merda con poca cultura, che parla solo perchè ha la bocca; ti ricordo che Travaglio si occupò per diversi della famosa società WHY NOT in cui erano coinvolti i vari Mastella,Prodi ect., quindi quando affermi delle cose documentati e non saprare cazzate per poi ritrattare come fa il tuo amico Silvio.

  10. Credo di essere una persona abbastanza equilibrata, non particolarmente aggressiva, normale insomma, e soprattutto garantista. Ma comincio ad averne abbastanza. VOGLIO LA VERITA’ e voglio che i nostri politici dicano la verità. Non sopporto più questa ipocrisia, questa politica e i suoi attori. So bene che non si può andare in giro ad insultare e diffamare le persone senza prove ma quante volte è stato querelato Travaglio? Tante, ma senza successo, perché è uno che racconta i fatti. Dire la verità non è diffamare, è denunciare, che è un diritto sacrosanto. Non m’interessa (+ di tanto) che Berlusconi ha fatto di tutto e di più quando era un ‘semplice’ imprenditore, il mondo è pieno di imprenditori un po’ scaltri. Ma poi ha scelto di fare il politico e i politici devono, DOVREBBERO essere più bianchi del bianco. Nei paesi veramente democratici un politico si dimette se viene beccato a truffare sui Air Miles o a aiutare la colf ad avere un permesso di lavoro! Berlusconi è o non è amico di Dell’Utri? e Dell’Utri è stato o no condannato per concorso esterno in associazione mafiosa? Berlusconi ha detto o no che Mangano è un eroe? Questi sono fatti, perché avere paura a dirli?
    Questa volta sto con Di Pietro che scrive:
    “Che senso ha attaccare Travaglio per aver solo detto ciò che è vero? Invece di prendersela con lui non sarebbe meglio prendere spunto da questo fatto per impostare una campagna di informazione capillare e veritiera su chi sta al Parlamento, al Governo o nelle altra istituzioni controllate dalla politica? Oppure il silenzio è dovuto al fatto che anche tra le file del centrosinistra ci sono alcune posizioni imbarazzanti per cui è meglio far finta di niente e schierarsi con l’avversario nella speranza che un giorno il favore possa tornare?”

    E poi io aggiungo che Schifani secondo me: se si è sentito può anche spogliarsi dalla sua veste impunibile che purtroppo tutti i nostri parlamentari hanno e si difenda come un comune cittadino dalle accuse di Travaglio, penso che la maggior parte degli Italiani sarebbero contenti di sapere chi tra i due ha ragione

  11. …….oddio..il carcere per un’offesa…invece di appartamentini da 50mq per assicurare un alloggio a tutti gli italiani l’attuale Governo dovrà aumentare le carceri e la loro portata…perchè fuori di persone oneste non ne rimarrebbero proprio tante…tu per primo caro mio!

    p.s.: spero di non aver fatto errori di ortografia/sintassi o grammatica in genere…potrei essere vittima di insulti gratuiti anche io, visto che c’è chi sà cosa fare durante le sue giornate…tipo insultare i blog altrui…insomma Pietro, potresti anche morderti la lingua prima di scrivere certe cose, o pestarti le ditine, appariresti molto più intelligente stando zitto!

  12. L’unico che non ha seguito la corrente è stato Antonio Di Pietro

    riporto solo questa frase dell’articolo, aggiungendo e invitadoVi – voi orfani della falce e martello -a votare tutti Di Pietro.
    Ieri era Bertinotti oggi DiPietro: ma quando impararete qualche lineamento di democrazia voi di sinistra?
    Probabilmente mai, ma la cosa che mi fa ben sperare per l’Italia che gente come voi è in via di estinzione, come dalle ultime elezioni è emerso.

  13. Il problema non è dire le cose, ma dare per certo le cose. Quando nell’esprimersi , si usa il condizionale, nessuno può dire che è dato per certo che sia così, ma non vieta nemmeno di far pensare alla gente ciò che meglio piace. Invece, quando il relativo viene fatto passare per certo, solo per provocare una reazione, o per costruire una verità comoda, in questo caso si chiama politica di mestiere, e colui che usa questo metodo serve qualcuno o qualcosa, ma non la verità. Fini ad esempio, usò questa tattica dibattimentale con Veltroni , durante le elezioni, a riguardo se non sbaglio, dell’indennità che ricevono gli ex-deputati; solo per saggiare la reazione dell’avversario, e costruirsi un terreno favorevole di scontro.Ditelo apertamente pure voi qui, che siete di parte, perchè la verità non si ferma alle critiche, ma sui fatti rilevanti.

  14. Il tempo e’ galantuomo, prima la sinistra ha unito cani e porci per battere L’odiato Berlusconi ed ha rimediato un pareggio, infatti dopo 18 mesi le urne si sono riaperte e, lieto evento, l’estrema sinistra e’ stata fatta fuori dal parlamento per via democratica, per i khomeinisti della sinistra i nuovi ayatollah si chiamano grillo,di pietro e travaglio, tra cinque anni rivince il centro destra e sparisce di pietro, conti alla mano tra dieci anni con un personale rinnovato e non ideologizzato la sinistra potra’ governare, io non sono nostradamus ma……

  15. come disse toto signori si nasce e berlusconi e la destra non ci nacque, visto che durante le elezioni il signor berlusconi offende con parole offensive i suoi rivali, poi diciamolo che la destra alle camere si comportano come dei porci che sputano a destra e sinistra e se ne fregano di quelo che pensano i cittadini italiani, visto che hanno fatto una legge elettorale per pararsi il culo. Poi su Marco e un signore, chi si e visto la puntata di Anno Zero di due settimane fà, avra sentito un certo sgarbi che ne diceva di tutto colori offendendo Travaglio, e qui la destra neanche una parolae poi si offendono per la muffa.

  16. Una sinistra che si appoggia alla gente di strada, abbassandosi a quello che la gente veramente pensa? Non penso esista! Piuttosto esiste molta gente che si appoggerà alle idee della sinistra, perché rappresenta l’unica alternativa possibile per evitare ingiustizie ben più gravi. Basti qualsiasi tipo di idea, o interesse, che non siano proprio una dittatura, con un leader che anche solo in parte realizzi un minino delle sue promesse elettorali, ed ecco che la sinistra vacilla fino alla quasi scomparsa dal teatro della politica italiana. Se i poveri sono i clandestini, allora cosa sono gli italiani con figli che chiedono una casa ad un prezzo ragionevole? Dei ricchi che devono dare per forza al socialismo internazionale. Ma quale male può aver fatto un uomo per essere governato da sognatori, che sentono il male dei figli poveri altrui, ma non ascoltano le lamentele esistenziali e terrene della povertà di casa propria? La gente ha votato un socialismo più umano, quello cristiano del cavaliere nano. Non è socialismo quello del nano di Milano? Non lo è nemmeno quello di Bertinotti, di D’Alema, di Pegoraro Scanio, e via dicendo, che si nutrono di libri, ma non di dolori e di sacrifici italiani altrui. Il peggio è, che continuano a dare la colpa a Veltroni di tradimento, quando la gente vede politici che difendono i trans per le vie di Roma, mezzi nudi che mimano gesti sessuali inequivocabili, mentre nelle case italiane si combatte duramente per non divorziare tra coniugi, e per salvare la vita dei propri figli in un mondo difficile da capire. E poi la procreazione assistita in Italia? Sembra che in Italia siano tutti problematici da quel punto di vista. Oppure meglio farli così, che piuttosto darsi da fare nel letto. Hanno anteposto un problema certo, ad altri ben più gravi di questo, legati alla salute, all’igiene, ma soprattutto agli ospedali,ed al modo di lavorare negli ospedali, ed alle richieste fatte dagli operatori del settore. E senza contare che si sono particolarmente concentrati ad attaccare la chiesa, come se tutti i problemi fossero li, e non nella vita del lavoro, o in quella famigliare! Nostalgici comunisti utopisti, che mangiano i propri figli per abituarli a dare se stessi al sistema , ma che non si preoccupano di farli crescere prima , così che possano capire cosa significa dare per migliorare il mondo. Di utopia non si vive,ma di pane, e di sogni a stomaco pieno si,… mi dispiace ma la sinistra è caduta nelle mani di fricchettoni gay, senza palle, e senza grinta.

  17. x dayddy

    Mi ero collegata nella speranza di leggere commenti intelligenti… e mi ritrovo con il nome storpiato (per sbaglio?) e una offesa….
    Credo di non aver offeso nessuno con il mio commento, riportando solo le altrui offese ai comunisti e ai blogger, ma qualcuno di particolarmente sgradevole (dayddy ma che ti ho fatto? Ti ho forse definito uno schifoso fascista?) ha pensato bene di di dirmi che faccio proprio schifo…. ma senza avere il coraggio di argomentare tale frase… Comportamento comune ai destristi, che, sull’orma del loro premier, pensano di poter offendere gli italiano COGLIONI che votano a sinistra senza però dire PERCHE’ sono coglioni…. Facile gettare il sasso e poi mascondere la mano…
    Quindi, caro dayddy, spero che tu abbia la voglia, il coraggio e l’intelligenza di ripassare di qui e giustificare (con vere argomentazioni) perchè ti faccio schifo!
    Ah, Pietro…. il vilipendio alle istituzioni si riferisce a offese alla forma dello Stato e non al privato cittadino…. Travaglio non ha detto che Schifani, in quanto Vice Presidente fa schifo… ma solo che il signor Renato Schifani annovera tra le sue amicizie personaggi che successivamente sono state accusate di essere mafiose… quindi, tutt’al più, si può parlare di vilipendio personale… occhio alle accuse e ai paroloni!

  18. Rettifico…. mentre stavo scrivendo ho attribuito la carica di VICE presidente…. mi sono accorta solo dopo l’invio…. chiedo scusa…. la questione di VICE nasce dal fatto che in assenza del PResidente della Repubblica, Schifani, in quando Presidente del Senato, è Vice PResidente dello Stato Italiano….

  19. A Cassy,
    riguardo all’anzichè e alla parentesi sono errori di battitura dovuti a distrazione mentre hai piuttosto che ai è un errore dovuto all’ignoranza; riguardo a mastella ti faccio notare come questo non sia un politico di sinistra, semmai di centro: io, non so tu o gli altri blogger, non ho mai sentito un “big” tra i politici della sinistra come D’Alema, Prodi , Bertinotti , Veltroni che viene attaccato da travaglio. Come mai?; travaglio sarà pure ideologicamente di destra, peccato poi che vada sempre a favore della sinistra.
    A Gio e agli altri
    io non voglio che travaglio non faccia il suo mestiere; voglio che lo faccia in modo obiettivo continuando a denunciare quanto avviene a destra ma anche a sinistra però:perchè da come parla travaglio sembra che a destra ci stanno tutti criminali e a sinistra tutti buoni.
    A proposito di ciò che travaglio ha detto, il carcere sarebbe previsto dalla normativa vigente, non me lo invento io.
    Ultimo appunto:la parola IGNORANTE è il participio presente di ignorare: non è un insulto. L’insulto è quello che mi rivolgi tu, caro Gio, al termine del tuo intervento: anzi mi confermi quanto sostengo nel mio precedente intervento ovvero che voi comunisti siete un po’ restii a concedere il diritto di parola agli altri…

  20. A Pietro
    D’accordo la distrazione e l’errore dovuto all’ignoranza, ma allora mi spieghi perchè continui a scrivere “travaglio” e non Travaglio?
    Per quanto riguarda i “big”, sarebbe bello se tu leggessi Uliwood Party e tutta la sua indagine su Why Not e Prodi…

Lascia un commento