Berlusconi: regime militare per chi protesta contro le discariche

38888a3f054b7e318bf3c76010492545.jpgNei giorni scorsi erano apparsi a Napoli dei manifesti con la dicitura: “Berlusconi Santo subito se ci libera dall’immondizia”.

Chissà se gli autori di questi manifesti sono ancora convinti della cosa visto che Berlusconi farà costruire un Termovalorizzatore praticamente alle porte di Napoli.

La Napoli che non voleva nessun sito di stoccaggio, avrà di certo un termovalorizzatore in città.

Questi i siti individuati per le discariche e la mappa.jpg 

Sant’Arcangelo Trimonte (Bn) località Norecchie,
Savignano Irpino (Av) località Postarza,
Serre (Sa) località Macchia Soprana e Valle della Masseria,
Andretta (Av) località Pero Spaccone,
Terzigno (Na) località Pozzelle e Cava Vitiello,
Chiaiano (Na),
Caserta località Torrione (Cava Matroianni),
Santa Maria La Fossa (Ce) località Ferrandelle.

Pugno di ferro contro i manifestanti e chi protesterà. Infatti il Decreto prevede che queste aree diventino “zone militari di interesse strategico nazionale”, con le forze armate che ne garantiranno “l´assoluta protezione”.

Fino a cinque anni di carcere per i “capipopolo” che guidano le proteste contro le discariche e fino ad uno a chi si oppone alla loro realizzazione.

È previsto il carcere per chi si opporrà alla realizzazione delle discariche. Il dl prevede infatti fino a cinque anni di carcere (articolo 340 del codice penale) per chi guida le rivolte e fino ad un anno per chiunque “impedisca, ostacoli o renda difficoltosa la complessiva azione di gestione dei rifiuti”. Insomma la militarizzazione della vicenda rifiuti è iniziata. Berlusconi? Santo subito!

Berlusconi: regime militare per chi protesta contro le discaricheultima modifica: 2008-05-24T10:55:00+02:00da articolo_21
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Berlusconi: regime militare per chi protesta contro le discariche

  1. ognuno si tenesse la propria monnezza!!
    la monnezza, voi la fate e voi ve la dovete sciroppare!!!
    penso che sia un problema di tutte le regioni, solo che nelle altre regioni non ci sono mai passati i “vostri” governanti!!

  2. Con tutto il rispetto per le popolazioni interessate dalle discariche, in quattordici anni non si è fatto nulla per risolvere il problema dei rifiuti.E’ vergognoso, vedere politici che non danno nessuna soluzione,ma per pubblicizzare la loro immagine usano la televisione, quasi a fare spettacolo d’intrattenimento. Questi politici ben pagati lavorino alle soluzioni. Credo che l’auterevolezza della firma del Presidente Giorgio Napolitano dovrebbe far meditare sulla gravità della situazione.

  3. La soluzione sono i termovalorizzatori e differenziata.Popolo Campano è l’ora di rimboccarsi le maniche.Dall’emergenza monezza solo con il vostro impegno riuscirete a risolvere il problema, non ci sono miracoli. Buon lavoro è ora di fare le pulizie!

  4. La Campania è un’altra Italia. Le amministrazioni locali hanno le loro belle colpe, ma se in Campania non ci fossero grosse organizzazioni criminali e se i campani avessero fatto la raccolta differenziata…forse…
    Ad ogni modo… una soluzione al problema va trovata.
    Le discariche e l’eventuale termovalorizzatore si avvicinano ad essere soluzioni. E’ facile fare polemica sterile senza proporre alternative valide.
    Mi chiedo: in ogni caso, dove è meglio che venga stoccata ‘a munnezza’? In strada e bruciata arrecando nocumento a tutti, oppure accantonata in una discarica. Guardate che anche nelle altre regioni d’Italia esistono le discariche… e sono a ridosso dei centri abitati. (per esempio a Malagrotta, rm, vicino a Fiumicino c’è una grande discarica che raccoglie tutti i rifiuti non riciclabili della capitale…e vi assicuro che talvolta si sente… ma non si lamenta nessuno! e nessuno è morto per la diossina in zona).
    Per quanto concerne le dichiarazioni del presidente di parte degli italiani… se il governo ha preso una decisione… bene o male… bisogna cercare di attuarla. In effetti non mi sembra giusto che la munnezza partenopea debba diventare di proprietà del resto del mondo. di tutti tranne di chi l’ha prodotta come vorrebbero gli abitanti delle amene comunità locali.
    Poi se la protesta fosse attuata in toni civili non occorrerebbe prendere in considerazione drastiche contromisure di ordine pubblico… i contribuenti, grazie a tutto ciò saranno costretti a pagare gli spostamenti, le indennità e gli straordinari di centinaia di uomini delle forze dell’ordine inviati in loco da tutta Italia… non penserete mica che gli uomini posti a presidio delle aree operino tutti in campania durante l’arco dell’anno? Non è così! Sono stati inviati in ‘missione’ uomini da roma, torino, bologna, milano, venezia, bari, cagliari, palermo…
    A parte questo io ritengo che le proteste debbano essere civili e magari costruttive. il governo non intende sanzionare le proteste, ma userà il pugno di ferro contro VIOLENTI e CAPIRIVOLTA. il chè, se permettete mi sembra anche giusto, visto che in qualsiasi altro paese del mondo civile fatti del genere non si verificano. prendersela con le forze dell’ordine, poi, stavolta, mi sembra ridicolo… non è che quelli sono contenti di essere inviati a tempo indeterminato a centinaia di chilometri dalle loro abituali sedi d’impiego e dalle loro famiglie (perchè sono PERSONE e possono anche avere famiglia) ad operare nel deserto e in mezzo alla munnezza, rischiando di ammalarsi e di farsi fare male per pochi euro in più a fine mese. non è giusto che tutta italia, ad eccezione della campania, debba adoperarsi a risolvere i problemi della campania.

  5. A parte la sgradevole sensazione che l’intervento di N apolitano ingenera, con l’attribuzione dei rifiuti al Nord punto e basta. Se sa qualcosa lo dica ai giudici se no taccia fino a sentenze pubblicate.
    Perchè non si cerca un accordo con gli abitanti delle zone delle discariche, acquistando le loro abitazioni , o proponendo scambi con altre requisite dallo stato a vario titolo?
    Chi poi non volesse spostarsi, affari suoi.Rimarrebbero liberi appartamenti che potrebbero essere offerti a prezzi convenienti per chi li volesse.

I commenti sono chiusi.