Berlusconi: Magistrati Il cancro della Democrazia

Ieri Berlusconi aveva definito i “Giudici politicizzati, una metastasi della Democrazia”. Al’assemblea annuale di Confesercenti, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, Berlusconi ha detto di essere un “Perseguitato della Giustizia”, che dal 1994 passa il sabato mattina con i suoi legali per difendersi.

Sonori i fischi della platea.

Al solito Berlusconi vuole far passare all’opinione pubblica il suo ruolo di vittima, di perseguitato. Intanto fa le leggi Ad Personam e non si degna mai di farsi giudicare liberamente e serenamente. E non spiega mai perché è accusato, quali sono i reti contestati.

Berlusconi definisce i Giudici, i Magistrati e la Magistratura “politicizzata” una metastasi della Democrazia.

Personalmente credo che la “metastasi delle Democrazia” siano i politici corrotti, i politici che stravolgono la Legge e la Costituzione a proprio favore con Leggi ad personam, i politici che limitano la Libertà di Stampa, i politici che posseggono Tv e giornali, i politici che usano il loro potere non a favore di tutti ma solo a favore di pochi. Il vero cancro della Democrazia è l’ipocrisia che certi politici usano. Molte volte i politici si dimenticano il loro vero ruolo: Lavorare per la comunità, per il bene del Paese. Invece il più delle volte lavorano per interessi personali fregandosene del resto del Paese.

Il Signor Berlusconi poi si lamenta che l’opposizione ha interrotto il dialogo.

Ma cosa dovrebbe fare, inginocchiarsi carponi?

Berlusconi: Magistrati Il cancro della Democraziaultima modifica: 2008-06-26T13:25:00+02:00da articolo_21
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Berlusconi: Magistrati Il cancro della Democrazia

Lascia un commento