Berlusconi vuole Corrado Carnevale come presidente della Cassazione

1501145179.jpgPer chi avesse dei dubbi su come il Governo Berlusconi intende combattere la Mafia osservando l’ultima Legge ad Personam può vederci chiaro.

Nel Decreto legge che dà più soldi ai magistrati in marcia verso le sedi disagiate è stata inserita una legge ad personam che definire vergognosa è dire poco.

Corrado Carnevale, ex giudice “ammazzasentenze” per aver rimesso in libertà diversi mafiosi.

Da molti considerato colluso con la Mafia e giudice mafioso, adesso il Governo Berlusconi gli fa una legge specifica per farlo diventare nientepopodimeno chè presidente della Cassazione.

Nel suddetto Decreto legge è stato modificata la legge che imponeva limiti di età:  “L’articolo 36 del decreto legislativo 5 aprile 2006 n.160, come modificato dall’articolo 2 comma 8 della legge 30 luglio 2007 n.111, è abrogato“.

Questo non è un provvedimento volto a favorire ambienti criminali e mafiosi? Possibile che in Italia non ci siano altre toghe per rappresentare questo importantissimo ruolo?

Questa è un’autentica vergogna!

Tanto per rinfrescarsi le idee, questo è Corrado Carnevale:

Nel suo curriculum però resterà per sempre la personalissima opinione su Giovanni Falcone (un cretino, indegno di essere rispettato anche da morto) e la sua fama di operaio al servizio di Andreotti e dei suoi amici.

Carnevale fu soprannominato l’ammazza-sentenze per aver cassato, in qualità di Presidente della prima sezione della Suprema Corte di Cassazione, numerose sentenze dei tribunali chiamati a giudicare su temi di mafia, nonché per un processo alla Banda della Magliana, per la Strage del Rapido 904, e per essere stato coinvolto in uno dei maggiori scandali della storia della magistratura italiana.[1]. Il collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo lo coinvolse nel processo Andreotti, dichiarando che “il senatore Andreotti aveva con lui uno speciale rapporto personale.”[2] “E i boss erano sicuri che non ci sarebbero stati problemi.”[3] Il 29 marzo 1993 la procura di Palermo gli inviò un avviso di garanzia. Dal23 aprile 1993 il magistrato venne sospeso dalle funzioni e dallo stipendio. Il 29 giugno 2001 fu condannato dalla Corte di Appello di Palermo per concorso esterno in associazione mafiosa a 6 anni di carcere, all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e all’interdizione legale lungo l’arco della pena. La sentenza finale in Cassazione del 30 ottobre 2002 lo ha assolto con formula piena, senza rinvio, perché “Il fatto non sussiste”, ribaltando la sentenza della Corte d’Appello che lo aveva condanato per concorso esterno in associazione mafiosa a 6 anni di carcere, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e l’interdizione legale lungo l’arco della pena. (Fonte: Wikipedia).

Berlusconi vuole Corrado Carnevale come presidente della Cassazioneultima modifica: 2008-10-13T10:46:59+02:00da articolo_21
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Berlusconi vuole Corrado Carnevale come presidente della Cassazione

  1. VOLANO LE BORSE, PRECIPITANO SALARI E PENSIONI!!!

    Volano le borse di tutto il mondo dopo il via libera al “piano anticrisi” messo a punto dai leader dell’Unione europea che prevede che i quindici Paesi della zona euro garantiscano i prestiti interbancari e la ricapitalizzazione delle banche in difficoltà. I listini di tutto il mondo si lasciano alle spalle una delle settimane più nere della storia dei mercati (-21% il calo segnato da Piazza Affari) e tornano a salire. A spingere in alto i titoli, la valanga di miliardi di euro e di dollari immessi nel fine settimana dai governi per cercare di far ripartire la circolazione del credito, congelato dalla crisi dei mutui. Milano, Parigi, Londra, Francoforte e Wall Street, chiudono la giornata con guadagni stellari, mai visti negli ultimi anni, che arrivano a superare il 10%. In forte ascesa nel Vecchio Continente proprio i titoli bancari, maggiormente tartassati dalla crisi scatenata ormai più di un anno fa dalla tempesta dei mutui statunitensi. In salita anche i petroliferi sulla spinta del petrolio, tornato nella notte sopra la soglia degli 81 dollari al barile. “LORO” hanno trovato cifre assurde per salvare banche corrotte, incapaci (nella migliore delle ipotesi) e speculatrici, poi ogni anno ci dicono che non ci sono i soldi per la sanità, per la sicurezza, per la scuola, per il lavoro e le pensioni. I soldi ci sono sempre per chi ne maneggia tanti. Non ci sono mai per chi – come da contratto (CCNL) – ne ha pochi. Anzi sono proprio pensionati e lavoratori dipendenti che vengono sempre tartassati e chiamati in causa per salvare governi, banche, assicurazioni, compagnie telefoniche e di bandiera. Con i nostri sacrifici, con le nostre tasse, le banche potranno ancora… strozzarci!!!

    >>> VIENI ANCHE TU SU: http://STATALI.BLOGSPOT.COM

Lascia un commento