Conferenza stampa di Berlusconi: attacco a magistrati, consulta e giornalisti

conf_b.jpgNulla di nuovo nella conferenza stampa del presidente del consiglio, Berlusconi, durante l’ora di pranzo, facendo andare di traverso il boccone a molti italiani stufi delle sue promesse.

Il TG1 del fedele Minzolini cede il posto ad una estenuante, noioso e preconfezionato discorso di Re Silvio alla nazione.

Scarno di contenuti, Berlusconi ha continuato a fare le promesse che fa da quasi un ventennio, attaccando magistrati, giudici della Corte Costituzionale (tutti ovviamente di sinistra) e prendendosela alla fine con quei programmi (vedi Ballarò, Annozero, ecc) che sono la “maleducazione” e l’indecenza della Rai.

Ha chiosato molto sulle flebili domande dei giornalisti, giustificando chi ha sistemato parenti e amici nei vari uffici statali come una cosa normale che la sinistra fa da anni.

Una cosa che è l’1% della società civile italiana e che sono tutte pecorelle smarrite dal Signore, come preti pedofili e carabinieri corrotti.

Ci mancava un’assoluzione generale e finiva tutto a tarallucci e vino.

Poi innalza se stesso come esempio da seguire di moralità e rettitudine (e qui partono i conati di vomito).

Niente sulle proteste degli studenti, su cosa farà il Governo del “fare” per le migliaia di lavoratori e famiglie allo stremo, niente di niente su economia, lavoro e precarietà.

Il solito discorso dell’amministratore delegato dell’Italia SpA, Silvio Berlusconi.

Complimenti vivissimi a chi sostiene questo venditore di fumo.

Conferenza stampa di Berlusconi: attacco a magistrati, consulta e giornalistiultima modifica: 2010-12-23T14:49:20+01:00da articolo_21
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento